Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ads 468x60px

martedì 3 giugno 2014

Trucco labbra: come scegliere il colore giusto




Il rossetto è forse il cosmetico più amato dalla maggior parte delle donne. E' il tocco finale di qualsiasi make- up e l'arma segreta che rende impeccabile e femminile il nostro look. Ma come facciamo a scegliere la tonalità giusta per noi? Meglio un rossetto chiaro o scuro? E' preferibile una texture brillante o opaca? Per la scelta del colore, bisogna tener presente alcuni parametri:  il tipo di carnagione, il colore dei capelli e la forma della bocca.




Generalmente chi ha una pelle chiara deve optare per delle tonalità brillanti come il pesca, il corallo o il rosa che vanno ad illuminare e a ravvivare l'incarnato senza appesantirlo. Al contrario invece, chi ha una pelle olivastra o scura, può scegliere delle tonalità più intense come il prugna, il rosso, il mattone o il bordeaux.
La stessa regola vale anche per il colore dei capelli. Più i capelli sono scuri e più si può osare nello scurire la tonalità del rossetto, se invece i capelli sono chiari, è preferibile scegliere tonalità pastello.




Anche la forma della bocca assume un ruolo fondamentale nella scelta del colore. Se si ha una bocca piccola e sottile innanzitutto è opportuno utilizzare sempre una matita per andare a ridisegnare e definire il contorno delle labbra e per quanto riguarda il rossetto, scegliere sempre delle texture brillanti o satinate che danno quel tocco di luce che dona un effetto volume alle labbra facendole sembrare più grandi. 
Chi ha labbra discendenti o non assimmetriche deve utilizzare una matita per correggere gli eventuali difetti riequilibrando la strutture della bocca e optare per colori scuri e dalle texture opache che vanno a rendere meno visibile l'imperfezione.
Per le labbra carnose mai scegliere tonalità brillanti che le renderebbero ancora più grandi ed evidenti, ma optare per colori medi o scuri che assorbono la luce e smorzano l'effetto volume facendole sembrare più sottili.


0 commenti:

Posta un commento